Enzo Tamalio e Anna Tamalio, due fratelli di San Severo, creano una nuova tendenza: CODA DI GALLO. Il loro bar Apulia Cocktail Experience ha sapore di Puglia in ogni suo cocktail!

L’ETIMOLOGIA DEL COCKTAIL

Il cocktail è un aperitivo di origine americana, costituito da una miscela di diverse bevande alcoliche: generalmente gin o whisky, al quale si aggiungono vermouth, amari o altri tipi di liquori. La miscela viene poi shakerata col ghiaccio usando l’apposito bicchiere oppure lo shaker.

Un cocktail lo si può ottenere anche con l’eventuale aggiunta di altri ingredienti come zucchero, frutta e bevande non alcoliche: il cosiddetto cocktail non alcolico.

L’etimologia misteriosa del termine cocktail, usato per la prima volta nel 1806, non è chiara. Tuttavia esistono diverse ipotesi sulla sua origine, ma hanno una linea comune, ovvero il richiamo al gallo.

  • Una prima leggenda narra che dei marinai sbarcati in Inghilterra, trovarono conforto presso una taverna chiamata Tail of the Cock, che serviva bevande servendosi di una colorata piuma di gallo.
  • Attraversando l’Oceano Atlantico, una tradizione azteca narra che fu una principessa chiamata Còctel a preparare un drink, nel 19° secolo, quando dei sudisti americani arrivarono in Messico.
  • Inoltre, il termine francese coquetier veniva usato per indicare un portauovo a New Orleans che serviva ad un farmacista per servire i liquori. Il celebre farmacista era un creolo originario della colonia francese di Haiti.
  • Negli Stati Uniti durante il proibizionismo, quando il consumo di alcool era illegale, i cocktail venivano bevuti negli speakeasies. Durante questi anni, la quantità di liquori erano scandenti e per questo motivo i baristi tendevano a mescolare liquori con altri ingredienti. In questo periodo si faranno risalire alle prime ricette per cocktail dell’era moderna. Anche cinema e letteratura hanno contribuito a questo successo.

Circa l’etimologia della parola cocktail, curiosa è una puntata della serie animata giapponese Detective Conan. Il protagonista è un perspicace investigatore che ritorna bambino a causa di una pozione, ma in alcuni casi ritorna adulto per risolvere casi più disparati.

Detective_Conan_Cocktail (clicca qui per vedere il breve video)

APULIA COCKTAIL EXPERIENCE: CODA DI GALLO

I vincitori di Pin (Pugliesi Innovativi), la misura della Regione Puglia che finanzia idee imprenditoriali dei giovani, sono Enzo e Anna Tamalio. La loro idea si chiama Apulia Cocktail Experience: il bar itinerante che rappresenta una terra da bere che miscela la Puglia, adatto ad ogni tipo di evento e catering. Da questo bar nasce Coda di Gallo, una bevanda che si candida a diventare l’antidoto della crisi.

E’ nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie

diceva Albert Eistein.

Ispirati dal motto dell’iniziative per giovani, i due fratelli creano la drink list: i classici più bevuti al mondo rivisitati in chiave pugliese, in comode lattine, di quelle che solitamente vengono utilizzate come recipienti per l’olio d’oliva. La drink list è composta da:

  • Bramble al Mirinello
  • Boulevardier al Limolivo
  • Margarita al Bergamotto

Ogni lattina contiene due cocktail, pronta per essere assaporata, da servire freddi o con ghiaccio, e da condividere magari con i proprio cari. Il Tris di cocktail è un’esperienza tutta da degustare, poiché gli appassionati possono tornare a gustare anche a casa un cocktail preparato da un barman. Si può scegliere anche il formato aperitivo, con le olive Peranzana.

Sulla lattina viene raffigurato un tipico gallo pugliese, opera dell’artista Domenico Miglio di San Severo, un simbolo che si trova solitamente su piatti e bicchieri in ceramica. La decorazione rappresenta segno di fertilità e prosperità, ma anche segno di rinascita e di buon auspicio. D’altronde la frase impressa sulle confezioni è: “La rinascita di un nuovo giorno simboleggiata dal gallo, soggetto iconico dell’artigianato pugliese, un invito a celebrare la vita con un ottimo cocktail“.

Questa citazione rappresenta anche l’augurio per l’arrivo di un’alba migliore di Enzo e Anna Tamalio, che hanno dimostrato di poter gestire le difficoltà e gli ostacoli della pandemia 2020.

I due fratelli hanno curato ogni dettaglio; le lattine sono riutilizzabili anche come oggetti d’arredo.

Visualizza il prodotto qui

Torna Indietro